Lunedì, 11 Dic 2017
 
 
PDF Stampa E-mail
Indice
Fattorie sociali
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5
Tutte le pagine


  1. Note preliminari di sviluppo del progetto per Fano

Partendo dalle considerazioni generali fatte nelle pagine precedenti e considerando quella che segue come una ipotesi da suffragare  (migliorare, integrare) in sede di progettazione esecutiva e di riflessione congiunta con gli stakeholders istituzionali, possiamo provare a definire alcune caratteristiche del progetto  e dei  possibili scenari.

Il progetto nasce attorno ad una struttura di proprietà del Comune di Fano e attualmente inutilizzata, esistente nel territorio di Saltara.


Descrizione dei luoghi

L’azienda è sita nella zona collinare del territorio comunale di Saltara, l’immobile è di proprietà del Comune di Fano, ad una altitudine di 300m slm. Dista dal centro urbano di Fano km 15, e vi si accede da SS Flaminia n. 3 – Strada Provinciale per Cartoceto – Strada Vicinale Comunale per Museo del Balì.  Il fondo è catastato come segue: Comune di Saltara, foglio 1 particelle 4-237-495-497 R.D 119,48 R.A 101,44 superficie ha 3,16 Il terreno ha una conformazione regolare in corpo unico. È caratterizzato da un terreno di natura tendenzialmente argillosa di buona fertilità. È pianeggiante.  E’ dotato di un fabbricato rurale per uso abitativo ubicato lateralmente, in cattivo stato di manutenzione, di metri quadrati 420 disposto su tre livelli. L’ indirizzo colturale attuale è cerealicolo.


Piano di riconversione aziendale

 

Realizzazione di un’azienda ad indirizzo colturale orticolo e vivaistico orticolo.

La scelta dell’indirizzo orticolo-vivaistico è motivata da diversi fattori rispondenti all’esigenza di promuovere l’inclusione sociale di soggetti svantaggiati attraverso il loro inserimento lavorativo in un’azienda agricola economicamente produttiva, pienamente iscritta nel tessuto socio-economico del territorio.

La coltura di tipo attivo presenta i seguenti vantaggi:

  • Può assicurare, in un’azienda con una base territoriale limitata,  un reddito tale da garantire l’autonomia finanziaria della  fattoria sociale.
  • Consente il più alto impiego di manodopera tale da permettere un più alto coinvolgimento di soggetti interessati.
  • Assicura un’uniformità del calendario agricolo senza picchi e senza periodi di stasi nella scansione del lavoro.
  • Il breve ciclo agrario delle colture ortive consente di seguire lo sviluppo di una pianta in tutte le sue fasi dalla semina fino alla raccolta.
  • L’utilizzo fresco del prodotto consente una vendita al dettaglio che assicura ai soggetti un rapporto con l’esterno (acquirenti).
  • La vendita diretta dei prodotti aziendali stabilisce un rapporto diretto tra lavoro e reddito.
  • L’organizzazione di un centro di vendita aziendale comporta lo sviluppo di un’attività promotrice e commerciale.
  • Le operazioni colturali consentono una variabilità stagionale e giornaliera da consentire una flessibilità nell’impiego della manodopera a secondo r dell’esigenze e capacità individuali dei singoli.
  • La gestione dell’azienda comporta anche mansioni di tipo amministrativo.

Un’attività collaterale può essere quella di organizzare nel centro vendita aziendale un mercato periodico allargato ad altri produttori  al fine di incrementare una vendita diretta dei prodotti agricoli e loro derivati e  fare del centro un punto di riferimento sociale oltre economico.

Costo dell’opera ( da verificare)

  1. ristrutturazione del fabbricato aziendale da destinare in parte per uso abitativo e in parte come centro aziendale, € 630.000
  2. realizzazione di un magazzino e ricovero attrezzi. (200mq X 1000 euro/mq = € 200.000
  3. Realizzazione di centro vendite ( tendone / capannone prefabbricati… per la vendita diretta dei prodotti agricoli) €100000.
  4. sistemazione del terreno.€ 1000-2000
  5. costruzione di una serra nursery. (mq 50 x 200€/mq )= €10.000
  6. costruzione di serre tunnel per  la climatizzazione delle piantine ortive 5000mq  50 -100/ mq= €250000/500000
  7. realizzazione di impianto di irrigazione a goccia nella zona destinata alle colture ortive. € 10000.
  8. macchine ed attrezzi: trattrice, seminatrice pneumatica a rullo , carrello, e attrezzi vari € 100000.

 


Totale costo circa da 1.300.000,00 a 1.550.000,00 euro

Nb: tutti i prezzi sono indicativi.